Trasferta lunga per i nostri Angeli impegnati da mercoledì a lunedì in terra Turca, Istanbul per la precisione, per la seconda prova della categoria regina dei catamarani, la Class 1.

Dopo due giorni di preparativi finalmente venerdì tutto è pronto per scendere in acqua e dopo un paio d’ore di prove mattutine, giusto per prendere confidenza col circuito apparentemente facile, il pomeriggio l’agonismo comincia a percepirsi, un tutti contro tutti per garantirsi la pole-position.

Pole-position che diventa una lotta al centesimo con tre imbarcazioni racchiuse in un secondo, ma a spuntarla è il team Victory, secondo HUB Team Australia e terzo Fendi Racing.

Sabato la tensione è quella giusta per affrontare gara 1 con la giusta concentrazione: alle ore 15:50 tutte le imbarcazioni escono dal porto in coda alla barca starter che le guiderà alla bandiera verde; alla prima boa di virata tutto fila liscio, ma appena dopo l’inizio del primo giro(su 12) l’imbarcazione n.3 Team Victory si esibisce in uno spettacolare spin-out, per fortuna senza conseguenze ne per la barca ne per i piloti, ma sufficiente a indurre il commissario di gara però a esibire bandiera rossa…tutto da rifare.

Dalla seconda bandiera verde fino a qualche giro alla conclusione tutto procede senza intoppi fino a quando alla stessa boa, l’imbarcazione n.3 Team Victory (la stessa del primo giro) ripete a fotocopia la stessa manovra con un altro spin-out da foto ricordo fermandosi a poche decine di metri dalla boa dove non più di 5-6 secondi dopo l’imbarcazione n.5 Team Abu Dhabi ha fatto esattamente la stessa fine causando il ritiro di entrambe le imbarcazioni, ma anche qui fortunatamente nessun danno a cose e persone.

All’ultimo giro a causa di un guasto meccanico porta al ritiro l’imbarcazione n.10 Fendi Racing, quando al momento era in testa, retrocedendola in sesta posizione, dando così campo aperto per la vittoria del Team Australia, secondo posto per il beniamino di casa “Zabo” in coppia con “Isiklar” con l’imbarcazione n.91 e al terzo LFendi con la n.8

Domenica lo spettacolo non è da meno con un solo episodio pericoloso, con il ribaltamento al secondo giro dell’imbarcazione n.5 Team Abu Dhabi anche qui senza conseguenze e con i piloti in grado di uscire senza nessun aiuto dall’abitacolo utilizzando la “botola” posta sul fondo dell’imbarcazione, due ritiri, quelli delle imbarcazioni n.91 e n.74,una seconda partenza e l’impressionante prova di forza del Team Victory che va a vincere restando in testa dall’inizio alla fine rifacendosi così degli errori del giorno prima.

Long trip for our Angels from Wednesday to Monday,  to Istanbul in Turkey, for the second stage of the Class 1 season, the fastest category of catamarans all over the world

After a long setup, on Friday all the team are ready to go in the water to become familiar with the circuit. The pole position is dramatically struggled and at the end the team Victory get the best

On Saturday in the Race 1: just after the start, the boat of Victory Team #3 get a spectacular spin-out with any consequence for the pilots and the boat. Red flag and race to be restarted. After some laps the same boat Victory #3, on the same buoy, get the same same spin-out. In addition in some seconds another boat AbuDhabi team #5 get another spinout: in both the cases no problems to the boats and the pilots. At the end the Australia Team win the race.

On Sunday same incredible race with another spectacular accident: the boat of AbuDhabi team #5 have a loop and the pilots use the trap door to come out from the boat, luckily on their legs with no need of help. Victory Team #3 close the race at the first place, exploiting the lesson learnt of the day before…